Truffe, Frode E Falsificazione Documenti, Falsa Fatturazione

Truffe, Frode E Falsificazione Documenti, Falsa Fatturazione - avvocato penalista: Roma Milano Napoli Torino Palermo Genova Bologna Firenze Bari Catania Venezia Verona Messina Padova Trieste Taranto Brescia Parma Prato Modena Reggio Calabria Reggio Emilia Perugia Livorno Ravenna Cagliari Foggia Rimini Salerno Ferrara Sassari Latina Giugliano in Campania Monza Siracusa Pescara Bergamo Forlì Trento Vicenza Terni Bolzano Novara Piacenza Ancona Andria Arezzo Udine Cesena Barletta.

 

Truffe, Frode E Falsificazione Documenti, Falsa Fatturazione - avvocato penalista: Roma Milano Napoli Torino Palermo Genova Bologna Firenze

Quando si tratta di evasione, il reato di emettere fatture o altri documenti per transazioni inesistenti è di grande importanza: la condotta criminale sotto inchiesta, infatti, è posta all'inizio di un percorso che, nella maggior parte dei casi, 'uso di tali documenti falsi e quindi attualizzazione del reato di cui all'art. 2 - dichiarazione fraudolenta - raggiungere appieno tale scopo per consentire l'evasione a terzi. Questi crimini sono vincolati dall'unicità del fine, nel senso che il primo (articolo 8) costituisce il mezzo normale per realizzare il secondo (articolo 2): normalmente chi emette la falsa fattura lo interseca con un certo soggetto (potenziale utente) ha prima concordato con l'utente stesso, o ha accettato la sua istigazione.


Falsa fatturazione quali sono I reati?
Il reato di cui all'art. 316 ter cod. pen. non prende in considerazione né l'induzione sbagliata né il verificarsi di un danno patrimoniale, elementi che invece caratterizzano il reato di frode. La questione del disaccordo tra la percezione ingiustificata di esborsi statali o la truffa aggravata dall'ottenimento di sovvenzioni pubbliche è, da un punto di vista strettamente normativo, abbastanza semplice: se c'è un'induzione sbagliata, cade nella truffa aggravata.

Da un punto di vista pratico / fattuale, tuttavia, solo il risultato giudiziario dell'esistenza dell'induzione dell'errore, specialmente nei casi di anti-rilievo falso o silenzioso, crea alcuni problemi: ad esempio, il falso o il semplice silenzio a volte può effettivamente portare a la vittima si sbaglia, nel qual caso si verificherà la truffa aggravata, viceversa, se non vi è alcun errore indotto, potrebbe trovare arte applicativa residua. 316-ter del cod. Pen ..

Falsa fatturazione
D.Lgs. 74/2000 - art. 8. Emettere fatture o altri documenti per transazioni inesistenti.


"1. È punito con la reclusione da un anno e sei mesi a sei anni chiunque, al fine di consentire a terzi di eludere le imposte sul reddito o sul valore aggiunto, emette o emette fatture o altri documenti per transazioni inesistenti.


2. Ai fini dell'applicazione della disposizione di cui al paragrafo 1, l'emissione o l'emissione di più fatture o documenti per operazioni inesistenti durante lo stesso periodo d'imposta è considerata un'unica infrazione ».


Chiunque crei e / o usi un documento falso non commette un crimine, purché non sia un documento pubblico, che possa essere rilasciato solo da funzionari pubblici quali notai, impiegati dell'amministrazione o altre autorità. Pertanto, non è un crimine contraffare un contratto (che, in quanto tale, è una scrittura privata, scritta e firmata in modo indipendente dalle parti) o una richiesta presentata a una società privata. Questo è ciò che la Corte Suprema ha chiarito ieri.


La depenalizzazione massima avvenuta lo scorso anno [2], che ha abolito circa 40 figure di reati, ha anche abolito il reato di falsi scritti privati. Ovviamente, se la falsificazione è finalizzata all'ottenimento di un profitto iniquo, essa ricadrà almeno nel reato di truffa (o tentativo di frode) che rimane punibile con qualsiasi mezzo.

Falsificazione di documenti


Falsificazione di documenti cosa è? I reati?
Oggi, la falsificazione della scrittura privata è solo un reato civile, che può portare a una causa di danni e, alla fine di questo, una multa (sempre di natura civile) applicata dal giudice. Ma non ci sono più conseguenze sul casellario giudiziario.
Se, tuttavia, da questa manovra, un danno economico viene a un'altra persona (sia il venditore o colui che è stato vittima del manufatto), è possibile configurare il reato di truffa. Ma, in assenza di ciò, la condotta rimane criminalmente irrilevante.


La seconda sezione criminale della Cassazione, con sentenza n. 12872 del 2016, si è concentrata sul reato di emissione di fatture per operazioni inesistenti, affermando che non può essere cumulabile con il reato di frode allo stato.
Prima di trattare questioni legali, è utile avere un breve resoconto della giurisprudenza.


Truffe, quali sono I reati?
Chiunque, per mezzo di artifici o truffe, causando l'errore di qualcuno, procuri a se stesso o agli altri un ingiusto profitto con gli altri, viene punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con un'ammenda da cinquantuno euro per milletrentadue euro.


La pena è da uno a cinque anni di carcere e una multa di trecento euro euro da uno a cinquecentoquarantaquattro euro
1) se l'atto è commesso a danno dello stato o di un'altra entità pubblica o con il pretesto di esonerare qualcuno dal servizio militare [cp.p. 162, 32quater];
2) se il fatto è commesso creando nella persona offesa il timore di un pericolo immaginario o l'errata convinzione di dover eseguire un ordine dell'Autorità [649].
(2 bis) Se il fatto è commesso in presenza della circostanza di cui all'articolo 61, paragrafo 5.


Il reato è punito dalla causa della parte lesa, a meno che non ci siano alcune delle circostanze esposte nel paragrafo precedente o un'altra circostanza aggravante.
Il problema dei falsi crimini - commessi e finalizzati a ottenere un'indebita riparazione del danno - è certamente un aspetto particolarmente sentito nel campo più generale delle frodi commesse dalle compagnie assicurative. È un fatto di esperienza comune che la maggior parte di queste truffe proviene da un documento falso o alterato; questi sono principalmente crimini di materiale falso, anche se non ci sono false ipotesi ideologiche o atti irrealistici nel loro contenuto ideale.


Tuttavia, la posizione assunta dalle sezioni unitamente alla decisione del 2002 è di nuovo diversa: la Corte suprema pone una premessa fondamentale sulla sua ipotesi che l'alternativa tra l'applicabilità degli articoli 481 e 485 del codice penale non sia mai stata oggetto di controversia. giurisprudenza, specificando anche come i certificati rilasciati da persone che svolgono un servizio pubblico siano registri privati e non pubblici.

Pertanto, questi certificati saranno protetti dagli articoli 481 e 484 del codice penale se sono influenzati dalla falsità ideologica; saranno inoltre protetti dagli articoli 485 o 490 del codice penale se sono, a loro volta, viziati da cattiva condotta materiale.

Contattaci adesso su Whatsapp

 

avvmassimoromano@gmail.com

Avvocato penalista urgente
Siamo avvocati penalisti e offriamo assistenza legale in diritto penale internazionale, in caso di detenzione sia in Italia o all'estero contattaci subito un nostro avvocato vi assisterà 24x24, gestiamo casi di reati penali: arresto, detenzione, mae, droga edestradizione in tutto il mondo, contattaci adesso.

© 2018 avvocati-penalisti.it All Rights Reserved. Designed By avvocati-penalisti.it