Rapimento, sequestro di persona, tortura, avvocato penalista

Studio legale Avvocato penalista - Rapimento, sequestro di persona, tortura: Roma Milano Napoli Torino Palermo Genova Bologna Firenze Bari Catania Venezia Verona Messina Padova Trieste Taranto Brescia Parma Prato Modena Reggio Calabria Reggio Emilia Perugia Livorno Ravenna Cagliari Foggia Rimini Salerno Ferrara Sassari Latina Giugliano in Campania Monza Siracusa Pescara Bergamo Forlì Trento Vicenza Terni Bolzano Novara Piacenza Ancona Andria Arezzo Udine Cesena Barletta.

Studio legale Avvocato penalista - Rapimento, sequestro di persona, tortura: Roma Milano Napoli Torino Palermo Genova Bologna

Chiunque priva qualcuno della propria libertà personale viene punito con la reclusione da sei mesi a otto anni.


La pena è di uno a dieci anni di reclusione, se il reato è commesso:
1) in danno ad un ascendente, un discendente o un coniuge ;
2) da un pubblico ufficiale, abusando dei poteri inerenti alle sue funzioni.

Se la circostanza di cui al primo comma è commessa a danno di un minore, la pena detentiva viene applicata da tre a dodici anni. Se il reato è commesso in presenza di una delle circostanze di cui al secondo comma, o nel caso di un reato minore di quattordici anni o se il minore è preso o detenuto all'estero, la pena della reclusione viene applicata da tre a quindici anni.

Se il colpevole provoca la morte del bambino rapito, si applica l'ergastolo.

Anche le pene previste dal terzo comma sono ridotte della metà all'imputato che è effettivamente occupato:
1) che il bambino riacquisti la libertà ;
2) per impedire che l'attività criminale venga portata a ulteriori conseguenze assistendo efficacemente le forze di polizia o le autorità giudiziarie nella raccolta di prove decisive per la ricostruzione dei fatti e per l'individuazione o la cattura di uno o più più trasgressori;
3) per evitare di commettere ulteriori atti di rapimento.

reati per rapimento e sequestro di persone

I reati per rapimento e sequestro di persone?
Il patrimonio giuridico protetto dall'accusa in questione è costituito dalla libertà personale, come evidenziato dalla sistematica collocazione della norma.

Per quanto riguarda il significato del concetto di libertà personale, ci sono due linee guida opposte nella dottrina.
Secondo l'approccio tradizionale, che è attualmente anche la maggioranza in giurisprudenza, la libertà personale sancita dall'art. 605 c.p., è la libertà fisica dell'individuo intesa, in contrapposizione alla libertà morale, quest'ultima protetta dall'arte. 610 c.p, come libertà di locomozione, cioè quale libertà fisica-motoria muoversi nello spazio.

Come confermato dalla giurisprudenza della legalità, infatti: "L'elemento oggettivo del reato di sequestro di una persona è la privazione della libertà personale intesa come libertà di movimento nello spazio, cioè come libertà di locomozione. Non è necessario, a tal fine, che la privazione sia totale, ma è sufficiente che il soggetto passivo non sia in grado di vincere, al fine di raggiungere la sua piena libertà di movimento, gli ostacoli in questione o l'importanza della maggiore o minore durata di tali privazione "(vedi Cass. Pen., Sect I, sentenza n. 18186 del 4 maggio 2009, in Ced. Cassation, 244050, più recentemente Cass. Pen., Sec. V, 12 maggio 1980, n. 5907, in CPMA, 1981, 365).

Secondo questa dottrina, è preferibile concepire la libertà personale, protetta dall'articolo 605 aC, non come libertà di "agire" ma come libertà da "misure coercitive sul corpo, una nozione che, rispetto a quella tradizionale, sembra razionalmente più convincente, sarebbe più conforme all'idea di libertà personale, come si può vedere dall'art. 13 della Costituzione, a cui la libertà personale, il diritto inviolabile della persona, non ammette alcuna forma di restrizione, salvo un atto motivato dell'autorità giudiziaria, nei soli casi e modi previsti dalla legge.

tortura di persone

Cosa prevede la legge per la tortura di persone?
Il reato di tortura è introdotto nella legge italiana, incorporando così le indicazioni contenute nella Convenzione di New York del 1984.
Queste sono le principali novità introdotte da una misura attorno alla quale si sono evolute forti contraddizioni negli ultimi anni e hanno scatenato polemiche tra forze politiche e opinione pubblica, anche sulla scia di alcuni gravi episodi della notizia:

Tortura: la nuova arte. 613-bis cp punibile con la reclusione da 4 a 10 anni, che "con grave violenza o minacce, agendo crudelmente, provoca sofferenza fisica acuta o trauma psicologico verificabile a una persona privata di libertà personale o affidata alla sua custodia, potere, supervisione, controllo, cura o assistenza, o che è in una difesa sfavorevole ... se il fatto è commesso attraverso una condotta multipla o se comporta un trattamento inumano e degradante per la dignità della persona. "

Il caso è aggravato - da 5 a 12 anni di reclusione - se i fatti di cui sopra sono commessi da un pubblico ufficiale o da un pubblico ufficiale, con abuso di potere o in violazione dei doveri inerenti alla funzione o al servizio ".

Le "sofferenze derivanti esclusivamente dall'applicazione della privazione legittima o della limitazione dei diritti" rimangono al di fuori dell'area di punizione.
Articolo 613-ter: la reclusione da 6 mesi a 3 anni si applica al pubblico ufficiale o incaricato di un servizio pubblico "che, nell'esercizio delle funzioni o del servizio, istiga in modo appropriato altri funzionari o altri soggetti pubblici incaricato di commettere tortura, se l'istigazione non è accettata o se l'istigazione è accettata ma il crimine non è commesso. "

Modifica all'art. 191 c.p.p. in tema di prove acquisite illegalmente: il nuovo paragrafo 2-bis stabilisce l'uso inutilizzabile di dichiarazioni o informazioni ottenute attraverso il reato di tortura, eccetto contro le persone accusate di tale crimine e al solo scopo di dimostrare la loro responsabilità penale.

Contattaci adesso su Whatsapp

 

avvmassimoromano@gmail.com

Avvocato penalista urgente
Siamo avvocati penalisti e offriamo assistenza legale in diritto penale internazionale, in caso di detenzione sia in Italia o all'estero contattaci subito un nostro avvocato vi assisterà 24x24, gestiamo casi di reati penali: arresto, detenzione, mae, droga edestradizione in tutto il mondo, contattaci adesso.

© 2018 avvocati-penalisti.it All Rights Reserved. Designed By avvocati-penalisti.it