Reato di insider trading e abuso di mercato, avvocato penalista

Avvocato penalista: Reato di insider trading e abuso di mercato: Roma Milano Napoli Torino Palermo Genova Bologna Firenze Bari Catania Venezia Verona Messina Padova Trieste Taranto Brescia Parma Prato Modena Reggio Calabria Reggio Emilia Perugia Livorno Ravenna Cagliari Foggia Rimini Salerno Ferrara Sassari Latina Giugliano in Campania Monza Siracusa Pescara Bergamo Forlì Trento Vicenza Terni Bolzano Novara Piacenza Ancona Andria Arezzo Udine Cesena Barletta

Avvocato penalista: Reato di insider trading e abuso di mercato: Roma Milano Napoli Torino Palermo Genova Bologna Firenze Bari Catania

All'interno della comunità europea, questa esigenza è stata affrontata con l'adozione della direttiva 2003/71 / CE e del regolamento n. 809/2004 / CE che disciplina gli abusi di mercato.
Il processo di trasposizione del quadro comunitario è stato finalizzato nel 2005, con l'approvazione da parte della Consob delle modifiche al Regolamento del mercato, del Regolamento 11768/98 e del Regolamento Emittenti, Regolamento 11971/99, che entrerà in vigore, in parte, il 1 ° gennaio 2006 e in parte il 1 ° aprile 2006.


Per manipolazioni di mercato, disciplinate dall'art. 185 e 187 ter del Testo unico della finanza e dell'art. 2637 (Aggiornamento) del Codice Civile, tutti quei comportamenti messi in atto su strumenti finanziari in grado di realizzare la realtà in qualsiasi modo. Più in dettaglio, la manipolazione del mercato è la diffusione di informazioni false, fuorvianti, informazioni, voci o notizie che forniscono o sono suscettibili di fornire indicazioni false o fuorvianti di strumenti finanziari e di porre in essere operazioni simulate o altre operazioni artificiali causare un forte deterioramento del prezzo degli strumenti finanziari.

Qual è il reatodi insider trading?

Il TUF specifica anche alcuni tipi di transazioni sospette: transazioni false o fuorvianti, transazioni di acquisto che fissano il prezzo a livelli anormali e artificiali, transazioni commerciali che utilizzano artifici, inganni o espedienti e, infine, artificiali che possono dare indicazioni false o fuorvianti sull'offerta, la domanda o il prezzo di strumenti finanziari.

I comportamenti di manipolazione del mercato sono punibili sia con sanzioni penali che con sanzioni amministrative. Le sanzioni penali comprendono la reclusione da uno a sei anni e una multa da € 20.000 a € 5 milioni, lasciando alla corte il diritto di aumentare la sanzione fino a triplicare o fino a dieci volte l'importo dei proventi o il ricavato del reato quando, a causa del reato materiale del fatto, delle qualità personali del trasgressore o dell'entità dei proventi o dei proventi del reato, appare inadeguato anche se applicato al massimo.

Qual è il reatodi insider trading

Le sanzioni amministrative prevedono tuttavia l'applicazione di ammende da € 20.000 a € 5 milioni; tali sanzioni sono aumentate fino a triplicare o fino a dieci volte il prodotto o il profitto ottenuto dal reato quando, per le qualità personali del trasgressore, la quantità di prodotto o profitto ottenuta dal reato o gli effetti prodotti sul mercato, appaiono inadeguati anche se applicati al massimo.

Per dare stabilità e credibilità ai mercati regolamentati italiani, proteggendo quindi anche i singoli investitori, i deboli, il legislatore ha emanato una serie di regole per promuovere la diffusione delle informazioni e sanzionare la condotta scorretta dell'abuso di informazioni privilegiate , il cosiddetto insider trading.

Per "informazioni privilegiate" si intendono le informazioni di natura specifica che non sono state divulgate in relazione a uno o più emittenti di strumenti finanziari o uno o più strumenti finanziari che, se pubblicati, potrebbero avere un'influenza significativa sui prezzi di tali strumenti finanziari.

È abbastanza preciso da essere sufficientemente specifico da consentirci di trarre conclusioni sul possibile effetto delle informazioni sui prezzi sugli strumenti finanziari, mentre se è reso pubblico, potrebbe avere un impatto sui prezzi, che si suppone significhi un'informazione che probabilmente sarebbe un investitore ragionevole degli elementi su cui basare le proprie decisioni di investimento.

Coloro che commettono abuso di informazioni privilegiate, se il reato cade sotto la legge penale, sono puniti con la reclusione da uno a sei anni e con una multa da € 20.000 a € 3 milioni. Il giudice può aumentare la sanzione fino a triplicare o fino a dieci volte il prodotto o il profitto ottenuto dal reato quando, per la gravità del fatto, le qualità personali del reo o la quantità di prodotto o profitto ottenuto dal reato, appare inappropriato anche se applicato al massimo.

Al fine di evitare il verificarsi di tali comportamenti, ai sensi dell'art. 114 del TUF (Comunicazioni pubbliche), gli emittenti quotati e coloro che li controllano sono tenuti a comunicare al pubblico le informazioni privilegiate riguardanti direttamente gli emittenti e le società controllate.

Inoltre, coloro che svolgono funzioni di gestione, gestione e controllo presso un emittente quotato, dirigenti che hanno accesso a informazioni privilegiate e il potere di prendere decisioni che incidono sulle prospettive future dell'emittente quotato e chiunque detenga azioni almeno pari al 10 per cento del capitale sociale, deve segnalare alla CONSOB e al pubblico le operazioni da essi effettuate, anche interposte, sulle azioni dell'emittente o altri strumenti finanziari correlati.

Infine, i soggetti che conducono ricerche o valutazioni, comprese le agenzie di rating, gli emittenti di tali strumenti, coloro che raccomandano o propongono strategie di investimento per i mass media, devono presentare correttamente le informazioni e comunicare l'esistenza di qualsiasi interesse o conflitto di interessi riguardo agli strumenti finanziari a cui si riferiscono le informazioni.

La CONSOB, al fine di monitorare la correttezza delle informazioni, può richiedere newsletter e documenti citati, emettere notizie dagli amministratori, dai revisori legali, dai revisori dei conti e dai dirigenti aziendali, per effettuare ispezioni.

 

Contattaci adesso su Whatsapp

 

avvmassimoromano@gmail.com

Avvocato penalista urgente
Siamo avvocati penalisti e offriamo assistenza legale in diritto penale internazionale, in caso di detenzione sia in Italia o all'estero contattaci subito un nostro avvocato vi assisterà 24x24, gestiamo casi di reati penali: arresto, detenzione, mae, droga edestradizione in tutto il mondo, contattaci adesso.

© 2018 avvocati-penalisti.it All Rights Reserved. Designed By avvocati-penalisti.it