colletti bianchi

  • Reati dei colletti bianchi, corruzione, concussione, avv penalista

    Avvocato penale specializzato in Reati dei colletti bianchi, corruzione, concussione a Roma Milano Napoli Torino Palermo Genova Bologna Firenze Bari Catania Venezia Verona Messina Padova Trieste Taranto Brescia Parma Prato Modena Reggio Calabria Reggio Emilia Perugia Livorno Ravenna Cagliari Foggia Rimini Salerno Ferrara Sassari Latina Giugliano in Campania Monza Siracusa Pescara Bergamo Forlì Trento Vicenza Terni Bolzano Novara Piacenza Ancona Andria Arezzo Udine Cesena Barletta.

    Avvocato penale specializzato in Reati dei colletti bianchi, corruzione, concussione a Roma Milano Napoli Torino Palermo
    Il reato di corruzione?
    La corruzione è il reato più grave contro la pubblica amministrazione. È un crimine in quanto può essere commesso solo dal pubblico ufficiale o dall'ufficiale di servizio pubblico. La condotta innocente consiste nel dare o fare promesse, per sé o per gli altri, di denaro o di un altro vantaggio, anche non di capitale, abusando della loro posizione. Questo comportamento può essere spiegato in due modi diversi: vincolo e induzione. La parola deriva dalla concussione latina, -onis, derivata dal concussus, participio passato di concourse, estorsione.


    La costrizione è intesa nel senso di relativa coercizione psichica, cioè implica la prospettiva di un ingiusto torto alla vittima, che rimane libero di aderire alla richiesta o di sopportare (eventualmente) il male minacciato.
    L'induzione, d'altra parte, è compiuta da comportamenti schiaccianti privati non direttamente collegati alla violenza psichica relativa (allusioni, silenzi, metafore) che possono influenzare il processo motivazionale dell'individuo creando uno stato di soggezione psicologica.